Come fare la spesa risparmiando

thumbnail

Questo articolo non vuole essere un attacco contro i poteri forte dell’industria alimentare, oppure una discriminazione con contro le grandi catene di supermercati. Dal più piccolo al più grosso, ogni attività deve tiare avanti.
Non sempre ci sono truffe o fregature in agguato, ma semplici trucchetti di marketing per riuscire a far comprare qualcosa in più, ed è lì che entriamo in gioco noi e la nostra capacità di comprare solamente quello che ci serve, possibilmente risparmiando il più possibile.

Il postcast

Oramai lo sanno anche le pietre, i prezzi non sono mai arrotondati per una questione mentale, i prezzi che finiscono con x,90 o x,99 non vengono percepiti come prezzi interi, ma molto più bassi. In pratica: 3,99 Euro non verrà mai visto con 4 Euro. E’ un trucco che usano tutti, dovremmo noi ragionare a prezzi interi.

Sono vere le promozioni?

Le promozioni di un prodotto vengono studiate con precisione millimetrica, sia in termini di periodo dell’anno che da una zona geografica all’altra. Ricordavi che anche durante le operazioni di ‘sottocosto’ il commerciante ha un ricavo sul prodotto. 

A volte le promozioni sono fatte per attirare il cliente, promettendo sconti incredibili, e quando si arriva per prendere il prodotto quello è stato appena esaurito (strano!?!), ma tanto che siete lì perché non comprare qualcosa? Ed ecco che in qualche modo siete finiti nel meccanismo dei “finti sconti”.

Online finto demone

Non sempre comprare online e’ più conveniente che comprare in negozio, piano piano questo divario si sta restringendo. Già più una volta, nei negozi locali, ho trovato prezzi uguali o inferiori agli store online. Insomma bisogna girare e cercare la miglior offerta, come se giocassimo a Pokemon con i prezzi!

A pancia piena è meglio

State per andare a far la spesa? Mangiate!
Se si va a comprare quando si ha fame si è tentati di comprare cose che non servono, perché il cervello vede e vuole tutto quel cibo.  Se e’ possibile è meglio fare gli acquisti senza fame, per essere concentrati solo su quello che serve.

Una lista per domarla

Fare la lista della spesa, prima di andare a comprare quando si è comodamente seduti a casa, è il modo migliore per pensare unicamente a quello che ci serve. Senza una guida saremo sicuramente distratti dal nostro compito e finiremo per comprare altre cose che non ci servono.

Una ottima lista della spesa condivisa è Grocerylistbot, un bot per l’app telegram

https://web.telegram.org/#/im?p=@Grocerylistbot

Trova le differenze

A volte prodotti con diverse etichette posso venire dallo stesso produttore, molte grandi ditte non posso produrre in proprio e demandano la produzione a altre azienda. Un esempio sono i prodotti marchiati con il logo del supermercato.

Se potete, ogni tanto cercate tra prodotti uguali di marche diverse il luogo di produzione, scoprirete che a volte è lo stesso. Quindi se trovate due pacchi provenire dalla stessa ditta prende quello che costa meno. 

Prezzo al kg

Per capire quanto costa effettivamente qualcosa bisogna usare una unità di misura base comune ad esempio il prezzo al kg, al litro o ad unità. (es: capsule di detersivo)

Qui è più che altro un esercizio di memoria avere memoria. Molte volte vengono proposti prezzi bassi di prodotti. Ad  pezzo di formaggio a 2 euro), ma poi vedendo il prezzo reale al kg e’ uguale – se non superiore – al prezzo di un formaggio non in promozione.

Un ultimo esempio: stavo girando per un mercato alla ricerca dell’aglio rosa, il prezzo al chilo era 16 euro. Poi ho trovato un banco che offriva due teste a 2 euro.  Fortunatamente le ho scelte io, arrivato a casa le ho pesate: erano 130 gr. facendo i calcolo sono venuti 15,4 euro al chilo. En effetti ci ho guadagnato, ma se foss stato 110 gr. il prezzo al chilo sarebbe stato 18,2 euro al chilo! Avrei pagato un pochino di piu’!

Back To Top